Poesie

  • 'A legalità

    'A legalità

    Ccà 'a legalità è fa finta ' e niente,'e nun guardà
    Puntà 'o dito c''a mente,senza manc'accusà.
    Legalità è sapè ca nun aje sfastedià a nisciuno
    è calà 'a capa'nterra pe'salutà a quaccheduno.
    E so' chilli ddoje fessi 'e Falcone e Borsellino
    ca s'hanno avuto 'nchiudere dint'a qquatto sbarre
    tenevano 'na scorta cchiù fetente'e 'nu fetente:
    legalità è murì pecchè hai vuluto ajutà 'a ggente.
    Legalità è avè scuorno 'e sporgere denuncia,
    è aspettà 'o turno tujo
    c'adda passà Ninuccio.
    È ce tenè raggione comme 'o cielo tène 'o sole,sì,
    ma 'a notte scenne ' o scuro e staje 'a sulo.

    Legalità è sta voglia 'e t'appiccecà c' 'o munno
    è avè 'a cuscienza netta quanno duorme
    è nce credere ancora'int' ' a giustizia
    è accumenzà a levà d' 'a via 'a munnezza
    è stu criaturo ca mme guarda ll'uocchie
    è chillo muorzo 'e pane d' 'a fatica.
    È dint 'a terra nosta ca vo'cagnà culore
    è dint 'o sfreggio 'e ll'ate 'e ce chiammà terrune.

  • A fine mese

    A fine mese

    Salve a tutti!Mi presento!
    Son la formichetta milanese
    e vi racconto il malcontento
    di chi non arriva a fine mese!

    Certo a voi può sembrar strano
    che sia proprio io a lamentarmi
    ma sappiate che qui a Milano
    non si mangia ormai da anni!

    Noi formichette,è risaputo
    cerchiam cibo nell'immondizia
    e qui a Milano manco un rifiuto...
    questa è proprio un'ingiustizia!!!

    Provate voi a camminar per ore
    in strade lunghe e trafficate
    pregando sempre Nostro Signore
    “Fa che oggi non saremo calpestate!”

    Quando poi troviam una briciolina
    caduta per sbaglio da un balcone
    beh...allora preghiam la Madonnina
    “Fa che non arrivi quell'infame d'un piccione!!!”

    No!No!...non ci arrivo a fine mese,
    andare avanti è troppo dura!
    ...Io son nata Milanese!...
    È questa la mia sventura!!!

  • A te

    A te

    Figlia mia,dove sei?
    La tua immagine pura mi sconvolge i pensieri
    e mi sembra solo ieri,
    ma di te rimane solo una figura.
    Con un soffio,è volata la tua vita!
    La gioia della giovinezza se n' è andata senza averti salutata,
    lasciando in me solo tristezza ed amarezza
    di quell'attimo in cui sola ti sei spenta,
    spaventata ed umiliata.
    Ed oggi,è con enorme risentimento,
    che a te pirata della strada rivolgo il mio pensiero.
    A te,mano folle,
    che provi gioia nell'uccidere donne sole ed indifese
    soddisfatto del tuo squallido operato.
    A te,barbaro crudele,
    che ami osservare i bambini nudi
    nella loro verginità ed integrità.
    A te,mostro,che brancoli nel buio pronto ad attaccare.
    A te,che uccidi senza alcuna motivazione.
    Ed infine,
    il mio pensiero si rivolge a te giustizia,
    unica speranza capace di placare il mio cuore
    ormai avvolto dal dolore.
    A te,mortificata ed umiliata dai tuoi stessi difensori,
    sfigurata e schernita.
    Lotta,perchè in questo senso di giustizia si trasformi in legalità.
    Perchè il sole non deve morire
    nonostante la cattiveria di “pochi”
    nonostante quell'ombra sul tetto.
    Nonostante il dolore straziante inflitto a qualcuno!
    Vieni fuori,
    perchè il sole deve continuare a splendere,
    la luna deve continuare ad illuminare.
    “I pochi”vanno annientati aiutati dalla forza dei molti.

  • Anima in Maschera

    Anima in Maschera

    La maschera non nasconde la tristezza
    di chi rappresenta la “PARTENOPE”
    Che morirà su “MEGARIDE”
    Isolotto tombale per ira di GIOVE
    HERCULES non ha più forza per combattere
    Achille dopo il tallone colpito
    guarda in silenzio la nuova città
    Gli abitanti partecipano svogliatamente
    alla nuova era di Neapolis
    nelle mani di uomini senza memoria
    Pulcinella piange la sua miseria colmabile
    e guarda triste la sua città
    che fu amata da Virgilio
    Fetore stagnante di scelte sbagliate
    per un declino di valori
    Napoli città scelta da illustri per morire
    ora in agonia cronica
    Travolta da FRATRIE chiamate
    “clan”e politica corrotta

  • Che cos'è la danza...?

    Che cos'è la danza...?

    Muovere il corpo sinuosamente,
    secondo ciò che ti dice il cuore,la musica,la danza.
    L'eleganza dei movimenti,l'entusiasmo nell'eseguirli
    faranno di te,di me di noi,una ballerina
    tenace,matura,esperta,
    ma soprattutto,vera.

    Non basta saper eseguire un passo alla perfezione,
    bisogna saperci mettere l'anima
    per far sì che il passo prenda vita,
    facendo parlare il nostro corpo.

    Così la vera ballerina si sacrifica
    giorno per giorno per migliorarsi
    e per giungere a provare quelle emozioni
    che solo chi ha speranza,fiducia,devozione e volontà
    arriverà a provare....

    emozioni insolite,grandi,a volte più grandi di noi,
    ma soprattutto indescrivibili,
    che si possono solo provare dal vivo,
    non esiste simulazione alcuna.

    Così anche per me la danza è un sogno,
    un sogno che cercherò di realizzare,
    perchè una cosa che ormai so,
    è chei sogni non vanno riposti in un cassetto,
    ma bensì affrontati e infine
    realizzati!

    Per cui un grazie profondo va alla danza
    che ora come ora mi sta formando
    sicuramente a diventare miglior di quello che sono.
    Dalla prima volta che ho indossato una scarpetta
    a quando sarò io a farla indossare a qualcun'altro,
    la danza sarà, per sempre,parte di me.

  • Dedicato a te bullo

    Dedicato a te bullo

    Tu sei come me,
    con tanta rabbia più di me.
    Tu hai gli stessi occhi miei,
    furiosi più dei miei.
    Tu hai gli stessi anni miei,
    tanto più infelici dei miei.
    Ti vergogni di piangere,
    allora ferisci chi vergogna non ha.
    Ti vergogni delle tue paure,
    allora impaurisci.
    Pensi che una carezza
    sia segno di debolezza
    e prendi l'odio
    per fortezza.
    Amico,tu sei come me,ma non sai che
    c'è più coraggio
    in una lacrima,
    che in una sberla
    c'è più forza
    in un abbraccio
    che in un assalto;
    c'è più dignità
    in un sorriso
    che in uno sputo.
    Solo che nessuno
    ti ha sorriso,
    nessuno
    ti ha abbracciato forte,
    nessuno
    ha pianto con te.
    Perdonami,bullo,
    perchè non mi sono
    accorta di te,prima!

  • Desiderio

    Desiderio

    Cuore che corri verso il mare,
    insegnami a remare.

    Cuore che stai sempre nel cielo,
    fammi prendere il volo.

    Cuore che mi fai amare,
    ora fammi sognare.

    Cuore che cammini verso la luce del sole,
    dammi per sempre il calore che ci vuole.

    Cuore che corri sempre verso l'infinito,
    portami con te in un campo fiorito.

    Cuore che mi dai la vita,
    fammi restare per sempre stupita.

  • Duetto Solitario

    Duetto Solitario

    In quella landa brulla
    dove impera il solitario silenzio
    ed echeggia il fruscio dei ricordi
    Un uomo duetta con pensieri furtivi
    sull'altalena dell'esistenza
    Un sapore amaro si attacca all'anima
    ogni volta che si divincola
    in tortuose strade dell'io
    ladro di dolcezze
    Ammettere e pentirsi facile traguardo
    Rimediare ti attanaglia l'essere
    Se continui furtivo
    a duettare sull'altalena
    dell'esistenza

  • È meglio ricordare

    È meglio ricordare

    Gli anni sono trascorsi sul suo caro volto
    Intorno il suo delizioso sorriso
    Passeggiando lenti sotto braccio
    Ho donato una moneta a quel mendicante
    Per buona sorte nonno non lo può vedere
    Rammenta queste strade con i ciottoli
    E pali di legno ad illuminare.
    Ora c'è più luce
    Ma più paura fan le strade.
    I cortili ed i vecchi fienili non ci sono quasi più
    I loro resti abitati
    Come numerosi alveari di un vespaio
    Ci ricordano la nostra fortuna
    Cosa sono queste voci?Mi chiede
    Nonno,non ascoltare...
    Non voglio dirti che è solo miseria
    Tu puoi fuggire da questo orrore
    Resta fedele a ciò che rimembri
    E ama ancora di più l'oscuro
    Puoi ricordare il mare azzurro
    Il mare ora porta spesso vite disperate
    Di speranze rubate
    Spesso un grembo gonfio
    Partorirà altra miseria.
    Si,nonno,ricorda le finestre aperte verso il cielo
    Come madri a braccia spalancate verso i propri figli
    Non gliel'ho detto che ora vediamo attraverso
    Griglie di ferro
    Che il sole riflette triste sul pavimento.
    Non gliel'ho detto che taluni girano armati
    Anche se da tanto tempo è terminata la guerra
    Dobbiamo proteggere noi stessi da nemici invisibili
    Che il poco lavoro ha disseminato come bombe.
    Si,nonno,ricorda ancora per favore
    Il nostro passato
    perchè oggi forse,non più ci riconosceresti.

  • “E son di nuovo tornati a volare gli aquiloni”

    “E son di nuovo tornati a volare gli aquiloni”

    Avevi vegliato il loro dolce e tenero dormire....
    eri andata da poco a cadenzare nel tuo ciclo
    lasciando il posto al tuo tenero e fedele compagno....
    Oh dolce luna....,tenera amica
    frammenti di poco hanno fatto tremare “il mondo”.....
    che paura per il tuo amore.....
    la malvagità di un uomo ha bagnato di sangue innocente la terra....
    ignari uomini stavano affrontando in America un giorno come tanti,
    avevano dato un bacio al loro “bambino”e alla loro compagna,
    ignari e sereni erano andati a lavorare
    non sapendo che di lì a poco
    aerei dirottati da persone ormai impazzite
    avrebbero spezzato i loro “sogni”.
    Due torri son cadute giù come marionette!
    Oh dolce luna.....
    quanto sangue innocente di piccoli e grandi è stato versato... “Perchè”
    Donne e bambini che non potevano più “parlare”...nè giocare!
    Non si poteva far volare un aquilone?
    Un paese martoriato da una guerra fratricida...
    ragazzi...esodo....
    lasciare la loro patria,i propri affetti in nome di Dei
    perchè difficile da capire....
    Il burqa ove si tiene paludata la donna come nel MedioEvo...
    non far andar a scuola bambine perchè ormai non serve
    che assurdità....
    Quanto denaro sprecato per difendere la nostra libertà
    mentre tanti bambini ogni giorno muoiono di fame e malattie
    vittime del nostro “menefreghismo”
    Oh dolce luna....
    non avere paura...
    dà un bacio al tuo compagno
    Torna a cullare e a giocare con le tue tenere “stelle”
    consolando il tuo amore...
    ...sorridi e asciuga...
    colori...

  • Ed ora che ha colpito la fiamma....

    Ed ora che ha colpito la fiamma....

    Siamo al pianoro dei lecci,
    il luogo profumato
    d'achillea
    e d'erbe montane
    che s'apre due volte al mare,
    lembo di suolo
    immerso d'ambo i lati
    nel celeste
    d'un cielo rovesciato.
    Transita qui una sottile lama
    corsa dal fuoco,
    sentiero impercettibile
    di confini.
    Tetti chiari e vicini,
    familiari
    nel piano azzurro,
    come v'accosta
    il precipizio nero
    e divorato
    del mezzogiorno!
    Tornan le orme
    tornano miti greggi di pastori
    frangendo il fieno
    col paziente capo
    rinnovellando strade
    agli abitati
    della costa
    lucente e abbandonata.
    Venivano da voi-
    -così rimpiange
    -la memoria d'un tempo
    -la faconda narratrice di sogni-
    da voi- paesi prossimi
    per il cammino aspro di montagna-
    più riposti
    di selvatici nidi d'uccello
    sospesi fra le selve di castagni.
    Ed erano
    -case famiglie preghiere-
    un bene indiviso
    gli incontri
    un pane scambiato
    per il valico breve dei monti.
    Si veniva
    stringendo promesse
    alle dita
    godendo la nascita e il mite
    donare la vita
    trovandosi spesso
    nello spazio festoso dei giorni
    quanto rude e deserto e foresto
    è l'adesso.
    Ed ora che ha colpito la fiamma
    in una coltellata bruciante
    la costa e l'opposto sembiante
    che ha reso la terra materna
    l'esatta figura
    dell'odio che attorno dilaga e cosuma
    ingrato chi ancora non teme
    e non giura riparo
    non sente ingannato ed offeso l'eterno
    in questo limite alto ed estremo
    del golfo di Salerno,
    dove solidali si toccano terre e terre
    e quasi abbracciate implorano
    di vivere insieme.

    (Pianoro delle Cisterne,ottobre 2007)

  • Giustizia

    Giustizia

    Giustizia.
    Luci ed ombre del genere umano.

    Giustizia:uno specchio
    in cui ciascuno mira sé stesso,
    com'egli si crede,
    com'egli immagina che sia.

    Non vedo nulla.Non odo nulla.
    L'immagine del grande rovere abbattuto
    nella mia mente sta,
    memore dell'ingordigia e
    sete di potere,
    caratteristiche,
    Ahimè.
    Del genere umano.

    Giustizia.
    Una parola vuota,
    una speranza,
    un'illusione,
    un'ancora di salvezza,
    una farsa,o una verità?

    A voi l'onere di renderla tale.

  • Ho sognato...

    Ho sognato...

    Ho sognato un mondo
    era fantastico
    si viveva nel rispetto...
    nell'amore...
    nell'onesta...
    nella tolleranza.
    Tutti rispettavano le leggi,
    ed avevano capito che vivere
    nella legalità era positivo.

    Un bimbo nasce,
    cresce,
    diventa uomo,
    rispetta la legalità
    ed è destinato a vivere sereno.

    Ho sognato un mondo
    dove si viveva nella criminalità...
    nell'egoismo...
    nella furbizia...
    dove nessuno rispettava le regole,ed era
    un mondo destinato alla fine.

    Un bimbo nasce,
    cresce,
    diventa uomo,
    non rispetta la legalità
    ed è destinato ad una vita disastrosa.

  • Il Deltaplano

    Il Deltaplano

    (Per Angelo D'Arrigo famoso per il volo no limits)

    Sulla rotta dei condor,
    nel silenzio di un'aria rarefatta,
    dove paura e sfida superano vergini ascese,
    hai sorvolato incorrotte cime e cieli diversi
    libero da inutili zavorre
    all'ombra del tuo deltaplano.
    Immerso nell'avventura estrema
    hai migrato su bianche guglie
    dove la neve cresce a dismisura
    e cavalcando la corrente del vento
    da divine quote,il trionfo è sceso
    lungo impervie valli di lupi.
    Amico delle aquile,in solitaria vertigine,
    hai volato come uomo-uccello
    dalla Siberia alle Ande
    avvicinandoti a cosmiche emozioni
    in quel mosaico d'astri
    che nelle notti limpide ci abbaglia.
    Angelo ti chiamavi
    e gli Angeli ti accoglieranno,
    tu che con ali inquiete
    hai toccato il cuore delle stelle
    e nell'arco d'un istante
    sei tornato alle tue dimore.
    Smuovere il tempo,
    rivederti nell'irreale volo
    alla luce di nuove stratosfere.
    Se solo fosse vero!

  • Il mattino che mi vide andare via

    Il mattino che mi vide andare via

    e mi ha sorpreso reo a mescolare la mia onesta persona a questi corrotti villani.
    E' un peccato che mi infanga,che mi travia sempre più,è un errore,una scalinata che scende
    nel buio.Io però non ho voglia di risalirne.Perchè è la mia medicina contro la banalità.
    E' il mio tappeto volante,che mi rapisce,mi conduce lontano,via dal tempo e dallo spazio.
    Io che di giorno sono troppo timoroso per muovere alcun passo,la notte oso,vivo davvero.
    Si cela per me un brivido dentro ogni carta.Ogni avversario è un nemico,nella guerra
    alla conquista della trasgressione.
    Un'illusione,solo un'illusione,che ora va svanendo ed intanto m'ha intrappolato in una notte
    d'imbrogli.
    E'ora che io mi sleghi,forse la luce arrivata per il giorno,ha trovato me,ed è entrata dentro tutta.
    Ora devo deporre per l'ultima volta le carte.
    Addio 3 di fiori.Stammi bene.
    Quando le vigliacche mie mani t'avranno lasciato non ci rincontreremo più.

    Ispirata al”I Bari” di Caravaggio.

  • Il rispetto

    Il rispetto

    È scomparso
    dalle nostre case,
    è scomparso
    dalle nostre scuole,
    è scomparso
    dalla nostra vita.

    È fuggito
    dalle nostre città,
    è fuggito
    dalle nostre regioni,
    è fuggito
    dal nostro stato.

    Ma adesso
    non ci deve sfuggire,
    adesso
    il rispetto tornerà a vivere,
    e con esso
    la legalità si ristabilirà.

  • Il senso della vita

    Il senso della vita

    Prova a metterti nei panni
    Di chi lotta per la vita
    Quando noia e frustrazioni
    Ti minaccia l'esistenza
    E qualcuno ti avvicina
    Promettendoti paradisi
    Che poi durano un momento
    E ti annienti l'esistenza
    Ascolta ragazzo
    Non buttare la tua vita
    Per la droga maledetta
    Forse tu non hai capito
    Che valore ha la tua vita
    Sarà utile ascoltare
    Dalle storie di ragazzi
    Quando per un incidente
    Han cambiato l'esistenza
    Son rimasti menomati
    A lottare per la vita
    Quella vita che han buttato
    Nelle corse sulla strada

  • Il “valore” della legalità

    Il “valore” della legalità

    Il “valore” della legalità
    ci spinge al rispetto
    delle regole.

    Il “valore”della legalità
    germoglia in ognuno di noi
    irrigato da principi profondi e antichi.

    Il “valore”della legalità
    dà la forza di affrontare
    le ingiustizie e i soprusi
    e la violenza.

    Il “valore” della legalità
    guida l'uomo verso l'arcobaleno
    della pace
    per un futuro certo e
    realizzabile
    fatto di Convivenza Civile e
    Democratica vera e inequivocabile.

  • L'amaro sapore del dolce

    L'amaro sapore del dolce

    Un uomo e lo specchio,
    due anime a confronto.

    “Ho rubato per fame,
    con i semplici baci
    non si sfamano i figli”

    “Ho lavorato per tutta una vita,
    ma un furto si è divorato tutti i frutti
    del mio sudore;più si arriva in alto,
    più cadrai con forza al suolo”

    “Lavorare è sempre stato un privilegio;
    spacciare regalerà un futuro alla mia famiglia.
    L'Italia è una Repubblica fondata sulla
    Ricerca di un lavoro”

    “Avevo due fratelli;ogni tanto
    passo a trovarli in cimitero.
    Un lavoro assassino ne seppellì uno,
    la droga quell'altro.
    Morti bianche e male nero,
    si fondono in un grigio futuro”

    “Sono nato povero,con una valigia vicino la culla.Come me tanti miei simili,
    visti come invasori che bussavano alla porta
    di una vita migliore.Questa non aprì”

    “Un clandestino ha violentato mia figlia,
    lasciandoci vivi all'inferno.Hanno ripagato
    il bene con il male,siamo diventati ospiti
    a casa nostra”

    “Chiamarci cattivi vi fa sentire più sicuri,
    in questo modo voi potete recitare la parte
    dei buoni”

    “Noi siamo quel che sareste potuti essere,
    se aveste fatto la scelta giusta”

    Il male è il bene,solo visto
    da un'angolazione diversa.

  • La legalità 2

    La legalità 2

    L'amore si trova dovunque anche in guerra.
    Lì non ci sono diritti perchè gli uomini
    sono trattati come schiavi.
    Così è nata la fratellanza
    dove il mondo si è cambiato un po'.
    Per farlo cambiare definitivamente
    bisogna che tutti gli uomini si vogliano bene
    e che al posto di sparare proiettili
    sparino gioia,amore e fratellanza.

  • La legalità 3

    La legalità 3

    Quasi sempre i grandi significati
    si trovano nelle piccole parole,
    significati infiniti,
    significati che splendono come i raggi del sole,
    significati colorati come i petali di un girasole,
    significati che trasmettono armonia ed allegria,
    che il rancore gettano via e
    che eliminano completamente la malinconia.
    Questi significati sono pieni di importanza,
    sono significati che portano
    fratellanza ed uguaglianza.
    Una di queste è la parola legalità;
    una parola che le persone riempie di felicità
    e che crea un clima di serenità,
    una parola che porta nei cuori
    tanta bontà e tanta umanità.
    Questa parola è una parola ricca di pace,
    una parola che emana luce,
    una parola davvero leale,
    che elimina ogni sorta di male.
    La legalità è una cosa entusiasmante,
    è una pietra che fa parte di un muro portante.
    Essa non va ricercata nell'odio e nell'ingiustizia
    ma nel bene e nella vera amicizia.

  • La Legalità 2008

    La Legalità 2008

    La legalità è:
    AMORE
    come CUORE.
    FRATELLANZA
    come ALLEANZA.
    La PACE
    come mi piace!
    SOLIDARIETÀ,FELICITÀ,ONESTÀ
    Sono legalità,
    spesso non viene rispettata,
    invece dovrebbe essere cosiderata.

  • “La legalità come rispetto”

    “La legalità come rispetto”

    La legalità è rispetto,
    rispetto delle leggi
    rispetto di sé stessi e rispetto della natura.
    Pace,vita,libertà,giustizia,
    tolleranza e amicizia
    sono principi fondamentali
    del vivere civile.

    La legalità non deve essere un obbligo
    ma un'esigenza,
    un dovere che ogni cittadino
    coltiva dentro di sé

    La vita è un dono prezioso
    e sarebbe bello un mondo
    senza guerre e violenza,
    sarebbe bello se tutto ruotasse
    attorno alla legalità
    nel rispetto dei diritti
    di tutti.

    Acrostico
    L=leggi
    E=eguali
    G=giuste
    A=amore
    L=lealtà
    I=ideale
    T=tolleranza
    À=armonia.

  • La legalità è...

    La legalità è...

    La legalità è contro la violenza
    E la camorra.

    La legalità è rispettare le regole
    Fondamentali della Convivenza Civile.

    La legalità è bisogno urgente
    di giustizia sociale.

    La legalità è lo stendardo
    Contro ogni forma di
    Emarginazione.

    Questo VALORE spesso tradito,violato,
    infangato ci richiama tutti
    al senso di responsabilità
    individuale e collettivo.

  • La legalità:luci e ombre

    La legalità:luci e ombre

    Ombre come l'uomo
    che vive nell'illegalità.

    Luce come rispetto della legalità
    preziosa per tutti.

    Ombre che spingono l'uomo
    verso il mare della corruzione
    e dell'ingiustizia.

    Luce come ultimo baluardo,
    speranza senza fine
    della società civile.

  • La Legalità

    La Legalità

    Rispettare la natura è un dovere,
    ma sembra che nessuno ciò faccia piacere!
    C'è chi si diverte ad incendiare,
    distruggendo tutto ciò che madre natura è riuscita a creare;
    chi a rovinare l'aria
    attraverso rifiuti e gas a migliaia;
    in fine c'è chi odia gli animali
    per permettersi pelli a quintali!
    Continuare a vivere in questa maniera
    non può che lasciare il mondo in miseria.

  • La Libertà

    La Libertà

    Sono ombre e sono urla,
    sputi,spari,sangue e pianti
    in questo mondo di speranza
    tra violenza ed ignoranza.
    C'è chi uccide per campare
    c'è chi non usa la testa
    c'è chi non sa più amare
    e non riesce a respirare,
    sotto un giogo di persone
    che ci tengono in catene
    si soccombe amaramente
    a chi agisce da insolente.
    Ma che cos'è la libertà?
    La libertà è credere in un qualcosa che non svanisce mai
    un qualcosa in cui un giorno arriverai
    un pensiero libero di volare
    che ti dona la voglia di vivere e di sognare!
    La libertà è vivere,
    vivere senza pensieri,confini
    esternare le proprie emozioni senza paura
    La libertà è vincere le discriminazioni,i pregiudizi,la guerra...
    La libertà è amare!
    In questo clima di indignazione
    bisogna battere ogni corruzione
    la vera piaga di questo mondo
    il vero male più profondo,
    che ci riduce in fin di vita,
    come camorra e malavita.
    Ma quando tutto sembra perso,
    torna la voglia di lottare
    per quel qualcosa che dagli occhi ci vogliono strappare,
    e la paura svanisce come una goccia nel mare
    ed una luce forte e chiara
    ci fa spalancare gli occhi,
    ed il sentir battere del cuore in petto
    fa rinascere vivo in noi
    il senso del rispetto.

  • La morte bianca

    La morte bianca

    Mohamed venne per mare
    da terre sabbiose e perse,
    arse di sole che brucia la vita.
    Mohamed venne per mare.
    E venne su scocca arrugginita,
    tra una folla di sogni e di povere mani,
    di occhi che fissano un miraggio di vita,
    di sogni che esili sbocciano
    anche nei cuori senza domani.
    Mohamed sbarcò sulla sabbia bagnata
    dall'onda tiepida che bacia la riva
    e gli parve di accogliere un bacio.
    Mohamed venne per mare.
    E passò strade sconosciute
    dalle porte sbarrate,
    in terre a lungo sognate.
    Guardò le vie ignote
    Che sboccano nelle vie.
    Di città sconosciute
    s'abbagliò delle luci
    e accolse gli odori trionfanti
    del mondo che compra.
    Mohamed attese d'inverno
    la sua parte che non venne.
    Sotto la pioggia che batteva grigia
    la lamiera fredda della baracca,
    sentì un gelo ignoto
    alla sua pelle scura
    e tacque nell'attesa....
    Stamane nel sole d'estate
    cantava su un'impalcatura nel cielo.
    Stamane Mohamed è volato giù.
    Eppure cantava,ma nessuno lo ha visto....
    Mohamed ,che venne per mare,
    lavorava il primo giorno al suo sogno.
    È caduto,ma nessuno sa che c'era.
    Eppure cantava,ma nessuno lo ha sentito.

  • La pace è...

    La pace è...

    La pace è
    un'amore fraterno
    solo se è eterno.
    La pace è
    tenere la mano
    a chi ne ha bisogno.
    La pace è
    rendere felici
    tanti bambini,tutti amici.
    La pace è
    qualcosa di grande
    qualcosa di veramente importante
    anche se a volte è assente.

  • Ladri

    Ladri

    Ladri
    di strade che corrono,
    che non si muovono
    silenziosi,
    rumorosi,
    invisibili...
    Strade senza gente,
    le hanno rubate,
    sequestrate alla libertà comune,
    loro
    i ladri,
    che rubano vite e libertà,
    omicidi di uno stato,
    che non combatte
    da sempre,
    che da sempre
    resta in silenzio,
    dietro scuse e
    apparenti provvedimenti...
    uno solo,unico,forte,
    stato caduto,
    a cui mafia e camorra han tagliato la testa,
    e le mani ceche
    non sanno dove andare
    uno,unico,forte,
    uno stato che appartiene,
    invece di appartenere a noi...
    Ho pagato la vita,
    e la pago ancora...
    ma quale?
    Quella nascosta dietro le tende?
    Quella che sogno?
    O ancora,
    quella di cui i giornali non parlano mai?
    Chissà perchè non lo fanno,
    per loro forse è solo una fantasia,
    è solo una vita nascosta,
    come gli occhi dei bambini
    dietro le persiane alle finestre...
    per trattenere
    i rimborsi dei sospiri,
    continuo a pagare,
    intenzionato forse
    a finire di respirare un giorno,
    quando,
    unico e forte
    si renderà conto,
    di essere indeciso e debole,
    forse finiremo sotto la spazzatura
    come Napoleone
    sotto la neve...
    a mani vuote,
    davanti alle strade chiuse,
    alle ragazze
    che sono diventate come manichini
    in vetrina,
    alle ferrovie abbandonate,
    ai carri funebri
    che si susseguono come foglie d'autunno,
    ecco sono una foglia,
    che staccatasi dal suo albero,
    forte e unico,
    adesso
    è pronta a volare via
    in un altro angolo,
    peccato non c'è vento,
    è nascosto dentro quell'albero
    da cui è caduto,
    forte,unico,nascosto...
    Un ultimo tentativo,
    uno ancora,
    dietro le spalle,
    quattro re per un poker,
    e insorgono ancora i fanti di cuore,
    che coperti
    restano chiusi nei loro mazzi di carte,
    diventati
    un unico e forte,
    castello pronto a cadere...
    resto a terra
    a occhi chiusi,
    anch'io da domani farò
    come le carte in alto dal castello,
    mi affaccerò
    in basso e farò finta
    che il mio sguardo lì non arrivi,
    non arrivi dove spariscono i bambini,
    non arrivi dove muoiono le vite,
    era l'unico diritto che avevano,
    la vita...
    l'unico rimasto attaccato al castello...
    castelli aumentati,
    e spariti come i soldi che i fondi raccolgono...
    so chi sono...
    sono ladri,
    e niente più...

  • Legge e legalità

    Legge e legalità

    La legge è una norma vigente che bisognerebbe non violare mai,perchè fa parte del
    vivere civile;la società odierna ci fa capire che legalità è una parola da usare con
    tante sfumature!!!

    Non sempre la parola legge è sinonimo di giustizia.

    La legalità è un valore che non va sottovalutato;molti di noi pensano che il mondo
    sia del più furbo,del più scaltro,ma non capiscono che le poche,e penso che siano
    poche,persone le quali ancora cercano di rispettare,per quanto possibile,le regole
    e non violare la legge,sono in alcuni momenti derise,viste come “bestie rare”. La
    legalità ha concetti e lemmi correlati infiniti,ma l'unica cosa che rappresenta alla
    fine è solo una sorta di legittimità,di liceità,il volere e soprattutto il dovere etico di
    ogni singolo individuo di conformarsi ad una legge,ad una regola;tanto è vero che
    dal gioco più puerile fino all'affare di stato più importante bisogna sempre attenersi
    e rispettare regole,che se non ci fossero,ci sarebbe una sorta di disordine anarchico.

    Le degenerazioni della legalità sono tante.........

    Ci sono in Italia,la nostra amata patria,città dove la legge,per riflesso,il concetto
    legale non esistono:la più grande degenerazione,ma io la chiamerei mostruosità,
    che affligge la nostra regione è la camorra:Napoli è una città bellissima,ma ha la
    piaga dell'esistenza di questo fenomeno,di questo cancro........

    Io a volte vedo il capoluogo di regione della Campania come un genio sregolato:così
    sono stati Maradona nel calcio,Leonardo in varie discipline(arte,poesia,invenzioni,
    etc....),Mozart nella musica,ma faccio anche la contestazione che Napoli(come
    tutta la Campania)è popolata anche da milioni di persone per bene che della legalità
    fanno un ideale di vita,una sorta di dono che viene loro inculcato e che poi
    difendono anche a costo della loro vita.

  • Libertà

    Libertà

    Al contempo un diritto e un onere,
    desiderio inviolabile,parola intrisa di sangue,
    di sofferenza,
    di morte,
    di vita,
    motivo di gioia,
    di guerra,
    di pace,

    Debolezza umana.

  • Luci ed ombre

    Luci ed ombre

    Luci ed ombre e tra il confine gli abusi
    E il giusto soccombe
    Giustizia ti attendo quando vieni
    Ancora gli abusi
    La donna umiliata subisce violenza
    Il dramma e gli abusi in seno alla culla
    Tornare ad amare la vita
    Al quando sembrava finita

    Lodare il buon Dio dei suoi doni
    Uniti come fratelli
    Coalizzati annientando le ombre
    Insieme verso la luce

    E ognuno di noi faccia il suo
    Davanti alle leggi dei giusti

    Ovunque ci sia coalizione
    Mentre si svolge il lavoro
    Bramosi di abbattere il male
    Ridare il futuro ai bambini
    Eredi dei nostri casini.

  • Mani che si lavano

    Mani che si lavano

    Gli arcobaleni più colorati,
    nascono dai temporali più violenti.

    Perchè anche lo strappo più profondo
    può essere ricucito.
    Come lo sporco che viene lavato via,
    una buona azione zittisce
    le urla dell'odio.
    Il male è come una matita,
    noi siamo la gomma per cancellarlo.

    La malattia genera una cura,
    una violenza il perdono;
    solo chi cade a terra
    può avere la forza di rialzarsi.

    Il vento può piegare un arbusto,
    ma le sue radici non si spezzeranno.
    Le nuvole potranno coprire il cielo,
    ma il suo colore sarà sempre l'azzurro.
    La notte ha la stessa durata del giorno.

    Noi siamo la bussola del nostro cammino;
    seguirla non è facile;
    perdersi è probabile,ritrovare la strada l'unica missione.

    Ma lungo il viaggio
    Non saremo mai soli.

    Tendere la mano a chi è a terra,
    o stendersi accanto a lui.
    Schierarsi dalla parte delle vittime,
    che nessuno tocchi Caino.

    Perdonare,un passo in più
    Verso il cielo.
    E' difficile parlare d'amore,un solo uomo l'ha fatto
    Ed è finito in croce.

  • Mentre tutto scorre

    Mentre tutto scorre

    Bambini,
    uno dietro l'altro
    come piccoli burattini stanchi,
    pezzi di ricambio
    per altri giocattoli...
    occhi bianchi
    lacrime asciutte
    bocche chiuse...
    sguardi indiscreti
    lasciati alle file sui marciapiedi
    dopo i mercati
    alle fiere dei titoli di giornale
    sotto i cumuli di lontananza
    del vicino di casa.
    Burattini a cui
    Sono stati tagliati i fili
    Per legargli i polsi,
    uno dietro l'altro
    dritti all'inceneritore
    realtà diverse
    sotto la finestra del secondo piano
    di quel palazzo?
    Apri la finestra,
    affacciati...
    mani incatenate
    da un unico piacere
    sotto il freddo astio
    della luna male attaccata al cielo
    hanno preso provvedimento
    le stelle con gli adesivi
    scambiati delle bottiglie vuote
    sotto i resti delle auto stonate...
    senza vento
    senza sorte
    dolci fatti in casa
    senza troppo spreco di farina
    zuccheroso monito
    di tenero bianco,
    piacevole fraintendimento del credersi
    esclusi dal complice giro
    di illeciti pensieri
    diventati sguardi
    distanti pochi metri dal telegiornale
    diretti all'inceneritore
    sotto sbatter di ciglia
    di chi ancora aspetta
    di riavere un figlio
    sotto il secondo ponte
    a partire dalla torre in fiamme
    di spazzatura cieca
    comuni
    municipi
    parlamenti
    occhiali da sole nel
    bel mezzo della notte
    sotto le ruote bucate delle
    auto che si fermano sotto il
    frusciare delle parrucche
    dei burattini
    diretti all'inceneritore

    su quello stesso palcoscenico
    accanto a quelle stesse maschere sciolte
    alla cera scrostata
    dagli annichiliti ricordi sospesi

    sotto quello stesso rimpianto
    che sopraggiunge
    alla consapevolezza dell'inutile
    sotto l'abbandono dell'istituzione
    alla scomparsa del protendersi di voci

    mentre tutto scorre...

  • Napoli-Milano solo andata

    Napoli-Milano solo andata

    Napoli & Milano,
    capitali di due imperi diversi.

    Stesso sangue, gente diversa.
    L' alba ed il tramonto di un Paese,
    un problema che nasce ed una soluzione che muore.

    Cervello e braccia dell' Italia,
    padroni e sudditi, impiegato e dirigente,
    fame e pane.

    Lo Stato si è fermato al Nord,
    più in basso si calpestano le Sue leggi.
    Il Sud è la lettera Z, il numero 0,
    un urlo silenzioso, un colore trasparente,
    una canzone muta, un libro cieco,
    qualcosa che non dovrebbe esistere.

    Masaniello si è addormentato,
    Pulcinella offre da bere.
    La testa della nazione cerca di rialzarsi,
    mentre le pigre gambe sono inchiodate al suolo.
    Un virus che distrugge ciò che andrebbe costruito.
    Un traguardo senza partenza.

    Questa è la fine della storia, una favola
    che parla di un uomo con due teste,
    una buona e l'altra cattiva,
    che stanno spaccando a metà il suo unico cuore.
    Questa fiaba non ha un lieto fine.

  • 'O “piacere”....

    'O “piacere”....

    Sine.

    'O vulesse'a te chistu piacere,
    ma primma'e t '' spià
    'nce penze buone:
    nisciune è rrigalato niente maie,
    e je vulesse sapè pecchè m''o faie.

    Dice ca sì n'amico,
    ma'n'è overo:
    l'amico è chillo ch'è crisciuto assieme,
    ch'ite spartute 'o suonno
    e'e cammenate,
    ca sape quann staie
    cchiù desperate,
    vene quann'hai bisuogne
    o staie malato
    e te vo'bene assai cchiù de'nu frate.

    Tu vuo' bene sultanto' a sacca toia
    e sì cuntento'e me sapè obbligato:
    saie ch'è'nu debbete ca sarà pavato.

    Quanno sarrà 'o mumente,
    proprie tanno,
    cu'na meza parola,
    'na guardata,
    'a risatela fauza'e chi è adderitto,
    tu vularagge a me,tutt'' e na vota,
    ' o rispetto
    l'onore
    'a libertà
    e 'a voce ca me reste pe'parlà.

    Sienteme,
    stu piacere nun m''o fa!
    E nun me dicere ca so'muntanare,
    ca nun saccio campà,
    ca' e sta manera
    je truvaragge'nchiuse tutt''e porte....

    'Na cosa sola saccio e a' dico forte:
    sta terra chiagne,
    pecchè è chiena 'e muorte
    muorte ca'nterra so'rimaste accise
    e muorte allerta,appise'a tanta file
    ch''e manovreno areta 'a 'nu tiatrino.....
    No,grazie,nun ce voglio addeventà.

    'A tengo ancora cara'a dignità.

     

    TRADUZIONE:
    Sì,vorrei che tu mi facessi questo “favore”,ma prima di domandartelo ci penso bene.
    Nessuno ha mai regalato nulla,ed io vorrei sapere perchè tu ti offri spontaneamente di
    aiutarmi.
    Dici di essere un amico,ma non è vero.L'amico è il compagno d'infanzia,con cui hai condiviso
    tutta l'esistenza('o suonno) e le scorribande di ragazzi.
    L'amico sa quando ti trovi in difficoltà,viene quando hai bisogno o sei malato e ti vuole bene assai
    più di un fratello.
    Tu,invece,pensi solo al tuo interesse('a sacca) e sei contento che io contragga con te un obbligo
    di gratitudine;sai che è un debito che sarà pagato.Quando sarà il momento,proprio allora,tu pretenderai
    in cambio da me,in una sola volta,il rispetto,l'onore,la libertà, e la voce che mi resta per parlare.Non
    farmelo,questo “favore”!E non mi accusare di essere un ingenuo,che non sa stare al mondo,non dire
    che comportandomi in questo modo troverò chiuse tutte le porte....Una cosa sola so,e la dico forte:
    questa terra piange,perchè è piena di morti,morti caduti al suolo assassinati e morti ancora in piedi,
    appesi a tanti fili che li manovrano come in un teatrodei burattini...No,grazie,non voglio diventare come loro.Ho ancora cara la mia dignità.

  • O Iuòrno

    O Iuòrno

    Torna sto iuòrno stamattina schiara o canto e nu mierulo trase a ind'à
    fenèsta.
    Chisto iuòrno allicorda quante,trist e bell.

    Arapen'll'uocchie n'addòre e sciure tràse dint'o naso cu n'ària frizzante.
    A int'a l'albere,a int'allerba,nfòsa e rusàta.

    Quanne tutt'è silenzio,mille so e penzier ca port chisto nuov iuòrno
    accussì bell.
    Fà capì ch'è nà bella iurnata.

    Nu regnant,nu pascià,vulèss nu iuòrno cà schiarasse commè a chìstu ccà.
    Ncòppa a stu iuòrno saglie o chiù bell sole pe sta iurnata e paravise.

  • O posto fisso

    O posto fisso

    Quant arriv o dipendent
    nell'ufficio designato
    va a timbrare il cartellino
    e comincia il suo declino.
    Trà colleghi ci si intende
    ci possiamo lamentare
    per tirarci su il morale
    ci mettiamo a chiacchierare.
    Stò telefono è un lamento,
    poco importa se l'utente
    stà cercando appuntamento
    trova il fax attaccato
    e lui viene depistato.
    Ma che grande fregatura
    chi a vò cotta e chi a vò cruda
    chi dipende si è scocciato,
    che finisca stà giornata!
    Ma poi viene il ventisette va a lavoro caricato
    lui ritira la sua paga.Ed è questo
    un buon esempio di un ufficio competente
    se tu cerchi il suo operato e ti va bene
    ti ritieni fortunato.

  • O' magnafranco

    O' magnafranco

    Ma che d'è chesta parola
    c'aggia 'ntiso annanz' ' a scola?
    'nu guaglione assaje infocato
    dice ca vò fa 'o avvocato.
    Tiene mente,stu gnurante
    stu fetente gabbamunno
    parla 'e fa'a legalità
    'e pretendere,'e accuncià.
    Già m' 'o veco,laureato,
    'ncopp'a seggia,l'avvocato,
    'na targhetta carestusa
    tutto bello 'ncravattato,
    quanno trase sape ' e rose
    e quann'ajesce t'ha nguajato.
    Chi ce crede cchiù a sta ggente
    ca se pensano signori?
    'Nmano a lloro,pe' favori,
    'a camorra è nnucente
    po' p'avè 'o diritto tujo
    aje pate' ' nu mar ' 'e inferno.
    E tu ce crede a sta parola
    c'aggia 'ntiso annanz' ' a scola?
    Siente a mme,nun jastemmà
    Lasse sta 'a legalità
    aje parlà 'nu poco franco:
    professione? Magnafranco!

  • Ombre Pietrificate

    Ombre Pietrificate

    Animali vaganti
    in una giungla pietrificata
    Gazzelle di ferro
    sfrecciano lasciando
    una scia bluastra lampeggiante
    La canna fuma ancora
    quando il rosso tinge l'asfalto
    Il vocio stridulo ed inutile
    è il suo contorno
    Mani avide afferrano la città
    L'altra faccia stanca
    argina la valanga puntellandola
    di valori inascoltati
    L'avido siede tra i banchi
    legiferando senza vergogna
    La cultura
    sorella della civiltà
    resta orfana solitaria
    Guarda e piange
    l'umanità

  • Pentito

    Pentito

    Ho infranto e ho violato
    tutte le regole che mi tutelavano.
    Sono un'anima solitaria,
    vivo qui esiliato dalla mia vita.
    Sono fuori da quel mondo,
    sono dietro a queste mura:
    ci sono le sbarre alla finestra.
    Sono qui a pagare
    per quei torti che ho arrecato
    finchè un giorno avrò scontato
    quella pena che mi pesa
    emi fa star tanto male.
    Questo è un peso nel mio cuore,
    questo è il prezzo del mio onore
    e finchè non sarò fuori
    per me non ci sarà ancora amore.

  • Per me la legalità

    Per me la legalità

    La legalità è rispettare
    Le leggi della vita.

    La legalità è non usare
    La droga,non rubare
    Le cose degli altri

    La legalità richiama l'amicizia e
    Alla pace per tutti.

  • Poesia

    Poesia

    Salute a tutti,buon'e malamènt!
    Je song 'a formicòn'e miez Giugliàno
    e'a fine ro'mese nun me lamènt...
    ccà stong sèmp'c'à panza mmano!

    Vuje nun sapite che bella ciorta
    è l'essere nata'a chesti part'!
    A Milan'a chest'ora ero morta!
    ...ccà magno,vevo e joco 'e cart'!

    Certo c' 'a furtun' ci ha sputat'n faccia!
    Comme vota e gira ce sta'a munnèzz!
    Manco 'o sfizio'e i'nu poc' a caccia...
    ogni tre metr' 'na prelibatèzz!

    'A buon'anima e mamma,pe'fa o scustumàt',
    aropp tre juorn'ce dicètt'addio!
    S'avetta magnà caccosa'e avariàt'...
    ma è mort'sul ess ringraziann'a Dio!

    È creature po',nun ce manca mai nient'!
    Ce rong tutto chell ca vonn'!
    Hann''a stà sul'attient''e rient...
    se putessero carìa!...Nun sia mai'a Maronn'!!!

    No!No!...'a fine ro'mese nun me lamènt'
    pure si 'e vote me mecc'scuorn'!
    ...pecchè so'vint'ann',no nu mumènt'...
    ca magno munnèzz'tutt'e juorn'!!!

  • Recluso

    Recluso

    Il dolore e la povertà
    ti hanno tolto la libertà.
    Tu non hai fatto nulla
    per rendere la tua esistenza più bella.
    Ti sei lasciato andare a violenza,
    orrore,terrore e delinquenza.
    Hai sentito dentro te la potenza
    perchè hai distrutto a qualcuno l'esistenza.
    Non hai avuto rimpianti,
    né sentimenti.
    Questo mormorio che si leva intorno a te
    parla di vergogna e di punizioni.
    La strada che hai scelto
    non ti conduce che in unico posto:
    oltre quel muro la tua vita passerà.
    Ti sentirai perduto per sempre,
    ma una notte vedrai
    che da quel terribile destino uscirai,
    via da quel buio volerai,
    non avrai pace finchè il tuo cuore
    non sarà libero di volare via dall'orrore.

  • Ricominciare

    Ricominciare

    Nel crepuscolo del sonno,
    se la preghiera s'arrende
    al preludio d'inverno
    imbrigliate l'insonnia
    che teme sogni di granito,
    e allo sfociar della pena
    quando l'anima s'attarda
    tra scheletriche ombre
    camminate verso altre colline
    sorridendo alle rondini.
    Oh lacrima,che all'ultimo calor t'arrossi,
    scolpisci nel cavo più recondito
    l'immagine sfuggita all'implacabile bavaglio,
    lucente come fuoco,
    se in un chiaror stellato
    ricomincerete col cielo dentro
    sulla sabbia che s'innalza
    al passaggio del vento
    e nei suoi granelli accoglie
    l'uragano della nostalgia.

  • Senza onore

    Senza onore

    Libertà e onore,
    pace e amore.
    Queste cose fanno di un uomo
    un essere superiore,
    ma se un giorno
    perdesse questi pregi
    la sua anima sarebbe perduta
    in un tunnel senza uscita.
    Avvolto dal buio e dal silenzio
    perderebbe la sua libertà,
    la sua vita sarebbe sprecata
    dietro le sbarre senza onore.

  • Speranza di.....legalità

    Speranza di.....legalità

    La legalità è speranza di democrazia
    per tutti i cittadini.
    L'uomo deve riscoprire
    il “piacere” della legalità
    come passaporto
    per una civiltà
    più umana.

    Un paese dove regna l'illegalità
    è destinato alla mortalità.
    Un paese dove c'è educazione
    alla legalità
    sempre onesti si vivrà.

    Mai più egoismo e corruzione
    ma libertà ed equità.
    Mai più criminalità
    ma giustizia a volontà.

    La scuola diventerà
    la palestra della legalità
    perno attorno al quale
    ruota la vita dell'umanità.

  • Vorrei...

    Vorrei...

    Vorrei l'amore e l'amicizia,
    non la camorra e l'ingiustizia.

    Vorrei un mondo più pulito,
    non sporco ed imbruttito.

    Vorrei felicità e tanta gioia,
    non la criminalità e la noia.

    Non vorrei spazzatura,
    ma un mondo pulito che dura.

    Vorrei una vita sicura,
    senza un po' di paura.

    Vorrei tanta onestà e umiltà,
    per chi non l'ha.

    Vorrei la pace in tutto il mondo,
    così tanta da formare un grande girotondo.

  • Vorrei...

    Vorrei...

    Vorrei che tutto fosse
    coperto di neve,
    per coprire di bianco immacolato
    il sangue di milioni di persone
    perse nel buio

    Vorrei che nessuno giudicasse
    gli altri per il loro colore
    della pelle o dell'aspetto,
    poiché non ci si può fermare
    all'apparenza della discriminazione

    Vorrei che tutti capissero
    che per essere felici basta
    aiutare gli altri con la legge

    Vorrei che non ci fosse
    più corruzione,
    così che tutto il mondo
    non sia pieno di falsità e menzogne

    Vorrei che le persone non
    si svegliassero la mattina
    con il desiderio di avere di più,
    ma con quello di aiutare
    la propria patria

    Vorrei vedere il mondo
    con occhi diversi
    e per un momento
    dimenticare tutte le ingiustizie illegali
    di questo mondo;
    per pensare almeno un momento
    all'unica luce che illumina il nostro mondo:
    la legalità