Poesie

CATEGORIA SENIOR

  • Salvatore Cangiani: L'ombra

    1° Salvatore Cangiani: L'ombra

    'E vvote, 'mmiez' è scuoglie, m'assetto 'nterr' ‘o mare
    si voglio resta’ sulo cu nu penziero amaro
    e cu stu piso 'e lacreme ca nun me fa sciata’,
    mentre 'o core vo' chiagnere e 'un sape accummencia’.

    E fuie na sera 'e vierno ca n'ombra s'è accustata:
    na faccia 'int'a nu bbavero, ll'aria 'e na cundannata.
    Cacciaje na sigaretta, distratto, 'a 'int' 'o taschino.
    L'ombra guardava, trèmmula,'a luce d' 'o cerino.

    Avrìa pututo dicere: «Fummate ?...» O, che sacc' io,
    na fessarìa qualunque, tanto pe’ dda' l'avvìo.
    E 'ncuorpo a mme penzavo: «Sta pena ca ce struje
    nuje sule 'a cunuscimmo, e forse manco nuje.

    Ma ‘e vvote nu miraculo po’ ssempe capita':
    bbasta ca duje se guardano, se metteno a parla',
    e l'anema se scarfa... Ma nun dicette niente
    e l'ombra scumparette, comme si fosse 'e viento.

    Si ll'ésse stesa 'a mano, sulo pe’ nu mumento,
    credo ca pure Ddio sarrìa stato cuntento!
    ‘E vvote truove n’anema ca già s'era perduta.
    Tu ‘a guarde e ‘un te ‘n adduone ca sta cercanno aiuto.

    Sempe te dice ‘o core chello c’avisse ‘a fa’
    ma tu nemmeno ‘o siente, credenno ‘e te sbaglia’.
    E sulo pe' superbia, o forse p’’a paura,
    i' nun stenniette 'a mano a st'anema 'int' 'o scuro !

    E accussì songo stato cchiù ppeggio 'e n'assassino
    senza guardarla 'nfaccia, senza me fa’ vicino.
    Pecchè se po’ ffa' male cu 'a lengua e c’ 'o curtiello
    se po’ schianta’ na vita aizanno nu cappiello,

    ma è cu l'indifferenza ca cchiù s'accide 'a ggente
    senza manco cunoscerla, senza pavarla niente.
    Tranne stu piso 'e lacreme ca cchiù cresce e ce affoca.
    Mentre na stretta ‘e mane fa bbene... e costa poco !

  • Margherita Sorrentino: C'è chi può volare

    2° Margherita Sorrentino: C'è chi può volare

    Parli con gli occhi 
    di un mondo lontano 
    che solo tu conosci. 
    Malato, dicono i medici. 
    Pazzo, pensa la gente. 
    Allora spengo i miei sensi 
    ti guardo con l’anima: 
    quando tace la mia ragione, 
    comprendo la tua. 
    Vedo giardini segreti
    nella tua psiche
    fioriti ed ignoti
    a chi non ti indaga.
    Il senno é una zavorra,
    pesante per mongolfiere
    tessute di petali
    non ci fa salire, dove sali tu.
    Una mente diversa può volare 
    anziché correre,
    su prati blu, 
    allegramente, 
    inseguendo unicorni.

  • Manuela Rossi: Che cos'è

    3° Manuela Rossi: Che cos'è

    È la separazione che fa male?
    Essere un’onda
    dell’immenso oceano
    che s’innalza
    e mai raggiunge il sole?
    Oppure un albero
    carico di frutti
    che nessuno coglie?
    Cercare le risposte
    nell’incanto di una rosa.
    Ritrovarsi a pensare:
    sono solo un fiore.
    Scoprire colori nuovi
    e farli danzare.
    Aspettare
    che passi una nuvola.
    Tuffarsi nel silenzio
    e in un volto amato.
    Chissà
    se anche questo è pregare.

 

CATEGORIA JUNIOR

  • Carlo Siviero: Gesso e carbone

    1° Carlo Siviero: Gesso e carbone

    Cori, canzonette e risate sincere,
    pensieri felici e rapidi sospriri
    per festeggiare leggeri
    bianche “primavere” .
    Nell’ angolo, al riparo d’un ombra,
    scuro, solo posa il suo cuore
    mentre avverte il silenzio
    sgombro diventar rumoroso.
    Non per lui gioiose primavere.
    Nebbia nel suo sguardo,
    sfregio sulla guancia nera,
    lui piange lontano dalla sua terra
    bianca, nel nostro inverno “nero”.

  • Aurora Aponte: Il mondo è diverso

    3° Aurora Aponte: Il mondo è diverso

    E cos’è il diverso?
    un’altra maniera
    di leggere il mondo,
    di sentire la vita.
    E’ un altro colore,
    un altro sentiero,
    è un altro amore.
    Diverso è lo sguardo
    diverso è il pensiero.
    La diversità è nel cuore,
    e non appare di fuori.
    La diversità è nel mondo,
    perché diversità è mondo.